stefano scardigli

Just another weblog

Archive for marzo 2009

L’ONU e’ antisemita?!?!?!

Posted by sscardigli su 25 marzo 2009

Questo e’ una parte del documento di lavoro in preparazione della conferenza “Durban Review Conference” (Durban 2).
Gli Stati Uniti e l’Italia (Frattini in testa) boicotternanno tale conferenza sulla base di questo documento, accusato di essere antisemita!
Ma ci fanno o ci sono? Chi sono gli estremisti religiosi?

25. Condemns any advocacy of racial or religious hatred which constitutes incitement to discrimination, hostility or violence, and recognizes that only a competent, independent and impartial tribunal established by law may determine, case by case, in a fair and public hearing, whether the facts presented qualify as incitement to racial or religious hatred [prohibited by law];
ALT: Condemns any advocacy of racial or religious hatred which constitutes incitement to discrimination, hostility or violence, and [should be prohibited by law;]
26. [[Notes with concern] [Seriously concerned at the] instances of defamation of religions, which manifests itself in [projecting negative, insulting and derogatory images of religions and religious personalities,] generalized and stereotypical association of religions, in particular Islam, with violence and terrorism, thus impacting negatively on the rights of individuals belonging to these religions, including Muslim minorities, and exposing them to hatred and discrimination. Such situations are further aggravated by the imposition of restrictions on the profession of religions, including [the surveillance of places of worship and restrictions on their construction] [the construction of places of worship and their surveillance];]
7
27. Notes that discrimination on multiple grounds of religion, ethnicity or culture further affects enjoyment by religious minorities of their basic human rights including economic, social and cultural rights;
ALT: Welcomes measures to address the phenomenon of multiple and aggravated forms of [racial] discrimination;
28. Reaffirms a holistic approach to human rights guaranteeing the indivisibility of all human rights, and stresses that [fundamental freedoms of expression and association should continue to contribute and promote the positive and desirable phenomenon of multiculturalism, respect for cultural diversity and tolerance among all religions, peoples and societies.] [the fight against racial and religious hatred should not serve as a pretext to legitimize impermissible limitations to freedom of expression] [as the right to freedom of expression constitutes one of the essential foundations of a democratic society as it ensures individual self-fulfillment and a pluralistic, tolerant society with access to multitudes of ideas and philosophies];
ALT/NEW PARA: Reiterates that freedom of religion or belief, freedom of opinion and expression and non-discrimination are interdependent and stresses the need to strengthen the process of effectively adjudicating cases associated with incitement to national racial and religious hatred in accordance with the permissible limitations under article 20 of the ICCPR and
analogous instruments;
NEW PARA: Recognizes the importance of the positive role that can be played by the media in this context in particular through a responsible media that abstains from diffusing hate or defamatory information and that engages to fight against such practices;
(Holocaust) [proposal to change title]
29. [Affirms that the Holocaust, which resulted in the murder of one third of the Jewish people, along with numerous members of other minorities, will forever be a warning to all people of the dangers of hatred, bigotry, racism and prejudice; recalls again that the Holocaust must never be forgotten;]
ALT: Recalls that the Holocaust must never be forgotten;

[NEW PARA: Recalls and urges States to implement United Nations General Assembly resolutions 60/7 and 61/255 which observed that remembrance of the Holocaust is critical to prevent further acts of genocide, condemned without reservation any denial of the Holocaust and urged all Member States to reject denial of the Holocaust as a historical event either in full or in
part or in any activities to this end;] [proposal to move to section 5]

[(Middle East)] [proposal to delete cluster]
30. [Expresses deep concern at the practices of racial discrimination against the Palestinian people as well as [Syrian nationals of the occupied Syrian Golan] [other inhabitants of the Arab occupied territories] which have an impact on all aspects of their daily existence and prevent the enjoyment of fundamental rights, and renews the call for the cessation of all such practices;]
31. [Reiterates that the Palestinian people have the inalienable right to self determination and that, in order to consolidate the [Israeli] occupation, they have been subjected to unlawful collective punishment, torture, economic blockade, severe restriction of movement and arbitrary closure of their territories. Also notes [with concern] that illegal settlements continue to be built in the occupied [Arab] territories [since 1967];]
32. [Reaffirms that a foreign occupation founded on settlements, laws based on racial discrimination with the aim of continuing domination of the occupied territory[y][ies], as well as the practice of reinforcing a total military blockade, isolating towns, villages and cities from one another, [totally] contradicts the purposes and principles of the Charter of the United Nations [and constitutes a serious violation of international human rights and humanitarian law, a crime against humanity, a contemporary form of apartheid and serious threat to international peace and security] [and violates the basic principles of international human rights law];]
[NEW PARA: Expresses deep concern at the plight of Palestinian refugees and other inhabitants of the Arab occupied territories as well as displaced persons who were forced to leave their homes because of war and racial policies of the occupying power and who are prevented from returning to their homes and properties because of a racially-based law of return. It recognizes the right of return of Palestinian refugees as established by the General Assembly in its resolutions, particularly resolution 194 of 11 December 1948, and calls for the return to their homeland in accordance with and in implementation of this right;]
33. [Reiterates deep concern about the plight of the Palestinian people [as well as inhabitants of the other occupied territories] under foreign occupation, [including the obstruction of the return of refugees and displaced persons, and the construction of the segregation wall,] and urges respect for international human rights law, international refugee law and international humanitarian law, and calls for a just, comprehensive and lasting peace in the region;]
34. [Re-emphasizes the responsibility of the international community to provide international protection, in particular from racism, racial discrimination, xenophobia and related intolerance, for [Palestinian] civilian populations under occupation in conformity with international human rights law and international humanitarian law;]

Posted in politica | Leave a Comment »

Carlo Petrocchi

Posted by sscardigli su 24 marzo 2009

Nel 1956 moriva Carlo Petrocchi, mio nonno. Non l’ho mai conosciuto ma la sua presenza è stata sempre molto forte nella mia famiglia.

Archeologo e paleontologo. Oggi si direbbe freelance e per questo spesso bistrattato e respinto dai muri di gomma del mondo accademico.

Affascinante personaggio, che nato alla fine del 1800 in un paesino sperduto della Sabina (Pozzaglia, Rieti) da una famiglia di semplici origini, si e’ ritrovato negli anni ’30 ad attraversare il deserto libico su un Fiat “Dovunque” alla ricerca di insediamenti preistorici e giacimenti fossili.

Finito su un treno di deportati dall’Albania in Germania dopo il ’43 ed evaso casualmente dalle parti di Trieste. Di nuovo in Libia davanti alla Commissione Alleata che giudicava i crimini di guerra commessi dagli italiani, a cercare di far capire che non tutti gli italiani erano fascisti o erano in Libia per commettere crimini. Una scuola di Roma ha portato il suo nome fino a pochi anni fa.

Difficile da immaginare oggi, che si usano gipponi con aria condizionata, GPS e tutti i comfort, cosa voleva dire avventurarsi nei deserti sabbiosi o rocciosi negli anni ’30, con camion il cui motore era coperto di stracci e fili di ferro per tenere insieme i tubi e orientandosi nelle tempeste di sabbia con la bussola.

Tra le immagini che mia madre mi ha lasciato, c’e’ lui accampato la sera in pieno deserto che ascolta Boheme su un vecchio grammofono a 78 giri.

Gia’ dimenticato dai piu’, ora con la progressiva scomparsa di chi lo ha conosciuto direttamente e di chi ha avuto la fortuna di averlo come padre il rischio della cancellazione totale di quella piccola storia che ha scritto e’ molto forte.

Ho cercato di recuperare le memorie che avevo per casa e nella case della mia famiglia, soprattutto foto e pubblicazioni, e le ho ordinate e messe insieme in alcune pagine web. Chissa’ se potra’ servire a ridare a qualcuno quel fascino di storia antica, di avventura, di sete di conoscenza, oramai abbastanza raro.

Avevo cercato anche di riprendere e continuare i suoi studi, ma questa e’ un altra storia…

Posted in biografia, cultura | Leave a Comment »

assecotuscia, bella esperienza…

Posted by sscardigli su 23 marzo 2009

logo1t2
Il lavoro precario tende progressivamente ad essere un dato stabile della società contemporanea. Se fino ad ora si poteva considerare una fase transitoria di accesso al mondo del lavoro, l’esperienza quotidiana mostra che, a tutti i livelli e in tutti i settori, le figure professionali “flessibili” tendono ad essere sempre più “tipiche”. D’altra parte si può constatare la generale tendenza politica verso l’occasionalità degli investimenti come l’impegno per la realizzazione di “grandi opere” trascurando l’ordinario (ad esempio le manutenzioni!).

L’Università della Tuscia, come tutto il mondo della ricerca e a prescindere dalle specifiche volontà di gestione, è costretta ad adeguarsi ai tempi che corrono e buona parte della forza lavoro che la mantiene in attività è di fatto costituita a tutti i livelli da lavoratori precari, dal tecnico amministrativo collaboratore continuativo al docente a contratto.

La figura di lavoratore precario che tradizionalmente avrebbe dovuto essere occasionale e in qualche modo “rara”, risulta ad oggi di fatto il rapporto di lavoro tipico per la maggioranza di coloro che prestano la propria professionalità ed esperienza all’Università della Tuscia. Questa nuova situazione probabilmente richiede una riprogettazione e riqualificazione degli apparati amministrativi dei singoli centri spesa che devono far fronte alla varietà di situazioni con tutt’altra flessibilità rispetto alle pratiche tradizionalmente lavorate.

Dalla costituzione della AsseCoTuscia (2004) i precari dell’Università della Tuscia hanno lavorato duro, e continuano a farlo, per riuscire a migliorare la propria condizione di lavoro ed avvicinarsi al riconoscimento dei diritti fondamentali per i lavoratori che in altri settori e dopo lunghe battaglie civili hanno contribuito a dare un senso alla parola “progresso”.

Ogni giorno i precari, oltre a fare ricerca, didattica, management, come previsto dai loro ruoli più o meno ufficiali all’interno dell’Università, si dedicano alle problematiche relative alla tipologia dei contratti di lavoro precario, passano le giornate a combattare con le diverse strutture in cui è organizzata l’università, a raccogliere articoli di giornale, leggi e decreti, verbali di consigli di facoltà, di dipartimento. L’AsseCoTuscia incontra sindacati e partiti politici, le amministrazioni dell’Ateneo Viterbese e le Istituzioni Pubbliche (due incontri con il Ministro Mussi all’attivo!).

L’AsseCoTuscia ha avuto al suo attivo anche il primo censimento della condizione di lavoro dei ricercatori precari della Tuscia.

Dove e’ finita l’AsseCoTuscia? Dove sono finite le speranze, la voglia di fare, di discutere, di migliorare la propria condizione?
I ricercatori precari hanno rinunciato a lottare? Si sono arresi di fronte alla schiera di precari che stanno riempiendo il mondo di lavoro a tutti i livelli?

foto_inaugurazione_s2

Posted in cultura, politica | Leave a Comment »

 
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.